NPS Italia e l’esclusione degli omosessuali dalla donazione di sangue

postato in: AIDS, HIV | 0

Notizia da Poloinformativo HIV AIDS

npsRiportiamo il comunicato di NPS Italia in relazione alla Sentenza della Corte di Giustizia UE che giustifica l’esclusione dei gay dalle donazioni di sangue.

 

 

Il 29 aprile scorso la Corte di Giustizia Europea ha emanato una sentenza dal palese contenuto discriminatorio.

NPS Italia in qualità di associazione di persone che vivono con HIV non può sottacere il proprio giudizio in merito a quanto trapela da questa sentenza.

La vicenda che ha dato l’avvio all’iter giudiziale che ha condotto all’emanazione di questa sentenza riguarda un privato cittadino francese che si è visto negare la possibilità di donare il sangue sulla base delle risposte a domande sul proprio orientamento omosessuale e sulla base di dati epidemiologici francesi risalenti al 2008.

Senza mezzi termini questa sentenza è un atto discriminatorio dal punto di vista dello spostamento dell’attenzione dai comportamenti agli orientamenti sessuali, circostanza che ci fa compiere un balzo all’indietro di anni allorquando si faceva riferimento alle c.d. “categorie a rischio” (cfr. punto 40 della sentenza), evidenziando al contempo una violazione del libero orientamento sessuale sancito nella Carta dei diritti fondamentali dalla stessa EU.

Questa sentenza si fonda sul presupposto, tutto da dimostrare, che gli epidemiologi europei hanno dichiarato la relazione omosessuale più a rischio rispetto alla eterosessuale sulla base dei dati di infezione che, obiettivamente, sono in crescita. Ma volendo fare un esempio, se si dimostrasse che la poligamia diffusa in alcuni paesi fosse più a rischio della monogamia cosa farebbe l’Europa? Emetterebbe una sentenza sull’esclusione dei poligami dalle donazioni di sangue? Senza considerare che anche nella poligamia si possono portare avanti comportamenti non a rischio con l’uso del preservativo!

Al punto 62 della sentenza si parla giustamente di “periodo finestra” come del periodo che aumenta il rischio di non rilevabilità al momento del test. Non vediamo alcuna ragione per la quale questa giusta osservazione vada associata all’orientamento sessuale omosessuale e non al comportamento. E’ evidente che il problema del periodo finestra è connesso ai possibili comportamenti a rischio di qualsiasi persona sessualmente attiva che non usa precauzioni, questo tuttavia non lo leggiamo da nessuna parte.

In Italia il dato di incidenza dell’infezione Hiv negli Msm è salito al 39,4% (dati Coa 2013) e quello eterosessuale è al 44,5%. Quindi parliamo di un dato, quello italiano, che si differenzia rispetto a quello francese. E non possiamo certo andare a quantificare il dato rispetto alla popolazione dichiaratasi omosessuale in Italia, poiché sappiamo bene che sarebbe un “censimento della popolazione con comportamenti omosessuali” impossibile e anch’esso in sé discriminatorio.

Quello che non dice questa sentenza è quindi che tutta la popolazione sessualmente attiva che non usa il preservativo nei rapporti occasionali e/o con partner sconosciuti è potenzialmente costituita da persone che mettono a rischio il ricevente nella donazione di sangue.

Infine, e non da ultimo, l’Italia si differenzia dalla Francia, non dimentichiamolo, anche sotto il profilo normativo, grazie al decreto del 2001 dell’ex ministro della salute Umberto Veronesi, che dopo dieci anni cancellò il divieto di donazione di sangue da parte degli omosessuali. L’Italia è dunque ben distante dal quadro descritto nella sentenza. Va poi sottolineato che le associazioni come la nostra lavorano con impegno per monitorare quanto succede nel corso degli interventi di counselling condotti nei centri trasfuzionali, al fine di mantenere sempre un quadro chiaro della realtà del paese.

Quello che può dedursi, dal tenore e dai contenuti della sentenza, è che la Corte teme le conseguenze di una diffusa assenza di controlli effettivi sulle sacche di sangue. Cosa sta facendo davvero l’Europa per contrastare l’epidemia da Hiv? Gli epidemiologi di tutta Europa dovrebbero pronunciarsi su questo tema.

Arrivare al punto che un giudice debba verificare se esistano o meno tecniche efficaci di ricerca del virus HIV, ai nostri occhi, significa che la scienza ha fallito, o che vi è quanto meno una diffusa sfiducia generale nell’operato degli organi tecnici di controllo.

Un giudice dovrebbe occuparsi di diritti e corretta applicazione delle norme, astenendosi dal compiere estemporanee valutazioni di carattere tecnico scientifico.

Margherita Errico

Presidente NPS Italia onlus

Fonte: NPS Italia Onlus

 

Hiv, preoccupa il tasso di infezioni tra i trentenni

postato in: AIDS | 0

Cambia il metodo di trasmissione, ma l’Hiv resta comunque un problema su cui non bisogna abbassare la guardia. 3.608 nuove diagnosi in Italia, secondo gli ultimi dati dell’Istituto superiore di sanità, l’84% delle quali sono a trasmissione sessuale.

Per questo gli specialisti della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit), che dal 17 al 19 maggio si riuniranno a Riccione per la VII Conferenza italiana su Aids e retrovirus (Icar), chiedono attenzione costante, tutto l’anno.

I nuovi NNRTI funzionano anche con aderenza non ottimale

postato in: AIDS, HCV, HIV | 0

 

AderenzaAlcuni nuovi regimi di trattamento contro l’HIV consentono di raggiungere la soppressione virale anche con tassi di aderenza dell’ 85%, secondo i ricercatori dello studio US Veteran Aging Cohort Study pubblicato nell’ edizione on line del Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes.

 

 

Gli autori hanno monitorato le tendenze di aderenza e soppressione della carica virale tra il 2001 e il 2010. Sia aderenza che tassi di soppressione virale risultano migliorate nel corso degli anni. Inoltre, un aumento significativo del tasso di soppressione virale è stata osservato tra i pazienti che assumevano una terapia basata su un inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa (NNRTI) anche senza una perfetta aderenza.

“I nostri dati suggeriscono che i livelli di aderenza inferiore al 95% possono essere sufficienti per la soppressione virale con le nuove formulazioni NNRTI “, hanno affermato gli autori. “un 85-89% di adesione a regimi basati su NNRTI può essere sufficiente per la soppressione virale.”

L’obiettivo della terapia HIV è ottenere una carica virale non rilevabile. La percentuale di pazienti che hanno raggiunto la soppressione virale (definita in questo studio, come carica virale inferiore a 400 copie / ml) è aumentata notevolmente negli ultimi anni. Ciò è dovuto in parte al miglioramento dei farmaci antiretrovirali: quelli moderni hanno un buon profilo di sicurezza e la maggior parte ha un dosaggio semplice con combinazioni disponibili ed efficaci in una sola pillola giornaliera.
Ma non è chiaro se le combinazioni moderne richiedono un elevato livello di aderenza.

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno monitorato i tassi di aderenza e di soppressione virale tra 22.000 veterani con HIV nel corso di dieci anni. Gli autori hanno voluto vedere se il livello di aderenza necessario per raggiungere una carica virale non rilevabile differiva tra i regimi basati su NNRTI, inibitori della proteasi e nuove molecole come gli inibitori dell’integrasi. L’aderenza è stata valutata in base alle richieste di fornitura farmaci.I ricercatori hanno riconosciuto che questo non è metodo perfetto per valutare l’assunzione della pillola, ma credono che sia più affidabile del richiamo diretto al paziente.

La proporzione dei pazienti che assumono un regime complesso multi-farmaco, inibitore della proteasi o regimi a base di NNRTI è diminuito durante il follow-up rispettivamente dal 65% al 43%, e dal 33% al 16%.

Nel 2006 solo l’1% dei pazienti stava assumendo una sola pillola a base di NNRTI (emtricitabina / tenofovir / efavirenz), salendo al 29% entro il 2010. La terapia contenente un inibitore dell’integrasi è stata utilizzata da 11% dei pazienti nel 2010.

La proporzione di pazienti con aderenza del 95% o superiore è aumentata dal 37% del 2001 al 42% nel 2010. Gli autori hanno descritto questo aumento come “marginale”.

I pazienti che assumono i regimi basati su NNRTI avevano più probabilità di adesione quasi perfetta rispetto agli individui che prendono combinazioni contenenti un inibitore della proteasi. I pazienti con terapia in singola pillola avevano una migliore aderenza rispetto ai pazienti che assumono più pillole.

Le analisi dei pazienti con aderenza inferiore al 95% ha mostrato una percentuale di soppressione virale aumentata dal 38% nel 2001 al 94% nel 2010. Un aumento dei tassi di soppressione virale è stata osservata anche tra i pazienti con aderenza a partire da 70% -75%.

La percentuale di pazienti con soppressione virale sostenuta è passata dal 78% nel 2001 al 92% nel 2010.

Nel complesso, le possibilità di raggiungere soppressione virale erano le stesse per i pazienti con aderenza del 90% -94% e quelli con adesione superiore al 95%.
Confrontando i pazienti in base al tipo di regime, a tutti i livelli di aderenza, i tassi di soppressione virale erano più alti tra gli individui in terapia NNRTI.

Per i pazienti in terapia con un inibitore della proteasi, l’adesione superiore al 95% è stata associata con i più alti tassi di soppressione virale, mentre risultati inferiori sono stati osservati anche quando i pazienti stavano assumendo tra il 90% -94% delle loro dosi.

Per i pazienti in terapia a base di NNRTI, un livello di adesione del 85% è stato associato con altrettanto elevata la possibilità di raggiungere una carica virale non rilevabile come con un tasso di adesione pari o superiore al 95%.

“Questi risultati sull’aderenza non dovrebbero lasciare dubbi relativi alle barriere che ancora ostacolano la prescrizione di nuovi regimi HAART nelle fasi iniziali della malattia”, suggeriscono gli autori. “Gli sforzi devono essere fatti per massimizzare la prescrizione e l’uso di regimi single pill. In futuro ci si dovrebbe concentrare sull’uso di altri regimi a pillola singola già approvati e sui nuovi farmaci già inseriti come regimi terapeutici raccomandati negli orientamenti più recenti, facilitando il loro impiego in popolazioni con problemi di accesso e di mantenimento in cura “.

Reference

Viswanathan S et al. Adherence and HIV RNA suppression in current era of highly active antiretroviral therapy (HAART). J Acquired Immune Defic Syndr, online edition. DOI: 10/1097/QAI.0000000000000643, 2015.

Fonte: Aidsmap

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativo HIV
In caso di utilizzo si prega di citare anche la fonte della traduzione

L’articolo I nuovi NNRTI funzionano anche con aderenza non ottimale è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

Invecchiamento con HIV e degenerazione maculare

postato in: AIDS, HCV, HIV | 0

 

invecchiamentoUn nuovo studio conferma quanto già alcune ricerche avevano previsto in relazione al maggior rischio, nell’ invecchiamento delle  persone con HIV/AIDS,  di sviluppare degerazione maculare senile (DMS; in inglese AMD, Age-related Macular Degeneration) anche in età inferiore rispetto alle persone senza HIV.

 

 

 

 

“Nei pazienti con HIV e AIDS che vivono più a lungo rispetto al passato, è aumentato il rischio di sviluppare diverse malattie legate all’età più precocemente rispetto alle persone non infette da HIV, tra cui le malattie cardiovascolari e il diabete”, ha detto Douglas A. Jabs, MD, MBA , Professore Ordinario di Oftalmologia e Medicina presso la Facoltà di Medicina di Icahn Monte Sinai, autore principale del nuovo studio. “Questo aumento del rischio per malattie legate all’età, in generale, ci ha portato ad analizzare come questi pazienti sono influenzati da una delle malattie oculari più comuni legate all’età, cioè la degenerazione maculare senile “.

L’degenerazione maculare senile  è la principale causa di menomazione visiva e cecità nelle persone sopra i 65 anni ed è il risultato di un danno alla zona centrale della retina, chiamata macula, che è la responsabile della buona visione centrale. La degenerazione maculare senile è descritta in più fasi – inizio, fase intermedia e avanzata – con perdita della vista che si verifica nell’ultima fase per atrofia o presenza di anormali nuovi vasi sanguigni. Le persone non infette da HIV allo stadio intermedio AMD sono a rischio di progressione verso la fase avanzata della degenazione maculare, ma in genere non perdono la vista.

Per determinare come l’AIDS può contribuire alla AMD, il dottor Jabs e colleghi hanno arruolato 1.825 pazienti con età 13-73 anni con AIDS negli Stati Uniti tra il 1998 e il 2011. I ricercatori hanno classificato fotografie della retina per AMD e messo i partecipanti a confronto nella coorte LSOCA con i dati pubblicati su una popolazione di pari età senza HIV dal Beaver Dam Offspring Study, che ha anche classificato fotografie della retina per le funzionalità AMD. I risultati hanno mostrato che la prevalenza di stadio intermedio AMD nei pazienti affetti da AIDS è stato quasi del 10 per cento e, se si tiene conto di eventuali differenze di età, è stato di circa quattro volte superiore a quella in Beaver Dam Studio.
I ricercatori hanno stabilito che la maggiore prevalenza di AMD nella coorte LSOCA non era collegata ad alcun farmaco o classe di farmaci utilizzati per il trattamento dell’infezione da HIV. Piuttosto hanno sottolineato che la terapia con antiretrovirali anche se ripristina il sistema immunitario non lo riporta alla completa normalità; ci sono cambiamenti immunologici simili a quelli osservati in pazienti che non hanno l’HIV ma che sono molto più vecchi, circa 70 anni di età, ed è un fenomeno definito “immunosenescenza.”

“Anche se il meccanismo di base che porta a questo aumento di diagnosi di degerazione maculare senile nelle persone con HIV non è ancora noto, esso può riguardare lo stato di attivazione immunitaria cronica e infiammazione sistemica presenti in questi pazienti”, ha detto il dottor Jabs.

Il Dr. Jabs e colleghi fanno notare che ulteriori esplorazioni di questi risultati può fornire la possibilità di capire meglio il ruolo della immunosenescenza e dell’infiammazione sistemica nello sviluppo di AMD, che a sua volta potrebbe portare a nuove terapie. I risultati suggeriscono che la terapia antiretrovirale e l’immunoricostituzione nelle le persone con infezione da HIV può causare un accelerato e accentuato invecchiamento.

Fonte:Healthcanal

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativohiv- in caso di utilizzo si prega di citare la fonte della traduzione

L’articolo Invecchiamento con HIV e degenerazione maculare è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

Pronto primo centro ricerca ‘specializzato’ in cura Hiv

postato in: AIDS, HIV | 0

 

anticorpiStarup Usa dedicata unicamente a debellare in modo definitivo virus

20 milioni di dollari per un investimento che potrebbe sembrare azzardato visti gli scarsi risultati sulla ricerca di un vaccino.

Però il fatto che stiano già vatutando la divisione dei  proventi dalle future scoperte,  fa sperare che abbiano già in mente qualcosa di interessante su cui ricercare … e naturalmente  guadagnare.
ndr poloinformativo

(ANSA) – ROMA, 11 MAG – Gsk e università del Nord Carolina uniranno le forze per creare un nuovo centro di ricerca e una start up dedicati esclusivamente alla ricerca di una cura definitva per l’Aids. Lo ha annunciato la stessa azienda, che investirà nel progetto 20 milioni di dollari per i prossimi 4 anni.

Al centro degli studi della struttura, che è aperta ad altri contributi pubblici e provati, ci sono le scoperte fatte in parte anche nell’università soprattutto nella strategia ‘shock and kill’, che consiste nello ‘smascherare’ anche quella piccola quantità di virus che rimane nascosto nelle persone sieropositive dopo la terapia, e di colpirlo ‘armando’ il sistema immunitario del paziente. L’università ha appena ricevuto dall’Fda il via libera per un test sull’uomo di una terapia basata su questo principio. ”L’Hiv Cure center – spiega il comunicato – sorgerà nel campus dell’università e avrà l’unico scopo di trovare una cura per l’Hiv/Aids. La nuova compagnia, Qura Therapeutics, si occuperò della parte commerciale della parnership, compresa proprietà intellettuale e commercializzazione delle scoperte”.

Fonte: https://www.ansa.it/

L’articolo Pronto primo centro ricerca ‘specializzato’ in cura Hiv è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

Un’altra tappa verso UNGASS 2016

postato in: AIDS, HIV | 0

 

ungass 2016Perché è importante il Dibatto Tematico di alto livello dell’Assemblea Generale verso UNGASS 2016 del prossimo 7 maggio.

Il 7 maggio 2015, l’assemblea generale dell’Onu terrà un dibattito tematico di alto livello a supporto del processo di avvicinamento alla sessione speciale dell’assemblea generale sul problema mondiale della droga (UNGASS) fissata per l’aprile 2016. UNGASS 2016 sarà un momento critico per il dibattito internazionale sulle politiche sulle droghe e rappresenterà l’opportunità per una valutazione onesta sui successi e sui fallimenti della politica globale di controllo sulle droghe. C’è una forte necessità di questo tipo di dibattito, ed è per questo che nel 2012 il Presidente della Colombia, Guatemala e Messico hanno richiesto che UNGASS si tenesse nel 2016 (anzichè nel 2019 come originariamente pianficato).1 Il Segretario Generale dell’ONU ha sollecitato gli stati membri affinché impieghino l’opportunità di UNGASS per “affrontare un ampio e aperto dibattito che consideri tutte le opzioni possibili”.

L’esigenza fondamentale che il processo di UNGASS sia ampio e inclusivo è stata inoltre riaffermata dall’Assemblea Generale:
“Riafferma la propria decisione, come raccomandato dalla Commissione sulle Droghe (CND), che la sessione speciale dell’assemblea generale sul problema mondiale della droga del 2016 debba avere un processo di preparazione inclusivo che preveda estese consultazioni sostanziali, permettendo agli organi, enti e agenzie specializzate delle Nazioni Unite, alle più importanti organizzazioni nazionali ed internazionali, alla società civile e agli altri rilevanti portatori di interessi, di poter contribuire pienamente al processo, nel rispetto delle regole procedurali e delle pratiche stabilite”. (risoluzione 69/201 paragrafo 49, sottolineature aggiunte).

La preparazione per UNGASS è già stata avviata da molti mesi, guidata dalla Commissione sulle Droghe (CND), la cui sede è a Vienna, mediante assemblee recenti tenutesi a marzo durante il Segmento Speciale dedicato ad Ungass, durante la 58° sessione della CND.

Il dibattito di Alto Livello del 7 maggio, come richiesto dalla Risoluzione 69/2014 dell’assemblea Generale, rappresenterà la prima volta in cui la preparazione di UNGASS sarà discussa in maniera sostanziale a New York e per questo offre la possibilità di coinvolgere sia la l’intera ONU che le missioni diplomatiche dei vari paesi con sede a New York. Anche se è compito della CND guidare5 i preparativi per UNGASS, il fatto che questo dibattito si terrà sotto gli auspici dell’Assemblea Generale, come una “sessione speciale”, rappresenta l’eccezionale opportunità di dare l’importanza e l’urgenza necessarie alla discussione sul futuro del controllo internazionale sulle droghe.

Scarica il rapporto in Italiano (scarica la versione inglese) [Dal sito di IDCP]

Fonte: Fuoriluogo

L’articolo Un’altra tappa verso UNGASS 2016 è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

Un futuro senza stigma

postato in: AIDS, HIV | 0

 

stigmaRiportiamo l’editoriale di Bruno Marchini da Anlaids ByMail di marzo che tratta l’ormai tristemente noto e inossidabile argomento STIGMA legato all’HIV.
Poche righe che riassumono quanto sia difficile sradicare un pregiudizio nonostante i comunicati e le campagne degli attivisti in ogni campo: discriminazioni sul lavoro, nella società, in sanità, nello sport, a scuola. Nella speranza di un futuro possibile, senza stigma.

Un futuro senza stigma anti-AIDS

Pochi giorni fa Anlaids è stata nelle piazze italiane con la campagna Un bonsai per Anlaids: un momento importante che si rinnova ogni anno e che quest’anno ha assunto una dimensione più contemporanea grazie ai testimonial di forte presa. I ricavi bonsai sostengono l’associazione nella lotta alla diffusione dell’Infezione da HIV e con essi contribuiamo al sogno di un futuro libero dall’AIDS. Perciò è doveroso ringraziare chi ci ha sostenuto e i volontari che hanno permesso l’iniziativa.

Un futuro senza l’AIDS significa anche un futuro dove il nome di questa malattia non sia più usato come termine di offesa: a Perugia “Terni=AIDS” e “Trans=AIDS” campeggiano nei graffiti su alcune pareti cittadine. Perché per offendere la squadra sportiva rivale o l’identità sessuale trans è utilizzato il termine AIDS? Perché per sfottere sportivamente o insultare, se proprio necessario, non utilizziamo altri termini presi nell’ambito della salute? Che ne so: Juve=Glaucoma o Milan=Diabete per essere particolarmente offensivi! O i carinissimi Etero=Psoriasi o Scandinavi=Vitiligine, per forzare gli esempi! Come mai non si utilizzano termini legati ad infezioni affini per fattore di rischio di trasmissione, per offendere l’altro, come Epatite C o B?

“I sieropositivi”. Anche questo termine che dovrebbe semplicemente indicare tutte le persone che sottoposte a test anticorpale risultano avere contratto l’HIV viene usato per ridurre alla sola infezione il valore umano complesso degli uomini e delle donne che con quella convivono. Lo stigma è ancora forte del retaggio legato per lo più ad alcuni comportamenti sessuali delle persone che, nella cultura cattolica più bigotta di alcuni dei protagonisti dei millenni oscurantisti, ma forse da molto tempo presente nelle tribù umane, sono stati a lungo condannati con pene insopportabili. Sperma e sangue rappresentano ancora un tabù linguistico, che evoca la vita ancestralmente caratterizzata dalla ciclicità. È questa dura immagine della Vita, il suo senso a termine ciclico che è stato drammaticamente vissuto da intere comunità già socialmente vulnerabili ad aver marcato negativamente l’AIDS e meno le altre MST.

Sarà un mondo futuro più sano e più libero quello in cui l’AIDS non sarà più considerato un termine usato per offendere. Questa ignoranza scurrile sarà istruita dei successi della cura e dell’eradicazione del virus. Ho certo fiducia nelle nuove generazioni perché potranno godere di buona affettività e felice sessualità senza paranoie fobiche e nel rispetto reciproco, “coperti” per difendersi dall’AIDS e dalle altre MST. E la passione e l’impegno di tutta Anlaids avranno contribuito, in modo determinante in Italia, alla normalizzazione dell’argomento.

Un caro abbraccio
Bruno Marchini

Fonte. Anlaids

L’articolo Un futuro senza stigma è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

SmartSex all’Expo

postato in: AIDS, HIV | 0

 

smartsexUna App per tablet e smartphone insieme a volantini informativi in otto lingue per i turisti in occasione dell’Expo 2015.

Si chiama ‘SmartSex’ed è un’applicazione per aiutare a prevenire l’HIV e le Malattie Sessualmente Trasmessibili.

E’ disponibile anche un sito web dedicato: ContattoSicuro
Comune e Asl di Milano in occasione dell’Esposizione universale lanciano una grande campagna di informazione sul sesso sicuro, con la app da scaricare sul telefonino, opuscoli e volantini tradotti in otto lingue.
‘Keep calm and have safer sex’: questo il messaggio della campagna.

La salute sessuale arriva sul cellulare: il Centro di Riferimento HIV e Malattie Sessualmente Trasmesse di ASL Milano presenta il progetto SM@RT-@IDS realizzato da Anlaids Lombardia.

Il progetto si inserisce all’interno della campagna di Prevenzione, comunicazione e sorveglianza HIV/MTS 2013-2015, di ASL Milano in considerazione della situazione epidemiologica di Milano e della Regione Lombardia, anche in vista di EXPO 2015. Il cuore del progetto SM@RT-@IDS è rappresentato dall’applicazione “SmartSex” per smartphone e tablet che fornisce:

– consigli e informazioni sulla prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale,

– un geolocalizzatore per individuare i centri più vicini dove fare il test e avere indicazioni su come raggiungerli.

Inoltre, periodicamente verranno lanciati dei sondaggi per conoscere il punto di vista degli utenti.

L’APP è scaricabile gratuitamente da Google Play Store e App Store ed è disponibile, oltre che in italiano, in cinese, spagnolo e inglese.

Il progetto mira a responsabilizzare le persone nella fascia d’età 19-40, attraverso un’ educazione sessuale “digitalizzata” ed una consapevolezza dell’importanza del test per HIV e Malattie Sessualmente Trasmesse.

Fonte: AslMilano


Estratto da Milano.Repubblica articolo di Zita Dazzi

Con l’arrivo di dieci milioni e passa di turisti, anche il numero di chi si prostituisce aumenta in modo esponenziale. Con l’aria di festa e di nuovi incontri casuali, si moltiplicano le occasioni di rapporti a rischio, perché inaspettati e magari ‘non protetti’.

Dal 7 maggio saranno, inoltre, affissi in città 500 manifesti nelle biblioteche comunali, nei Consigli di Zona e nei principali uffici comunali e nelle sedi delle associazioni saranno distribuite le cartoline informative con il messaggio della campagna. Negli aeroporti di Linate e Malpensa alcune associazioni hanno posizionato infopoint con la presenza di volontari.
“Prevenzione e informazione sono due azioni fondamentali per combattere le malattie a trasmissione sessuale perché ancora troppo spesso i comportamenti non salutari dovuti alla non consapevolezza del rischio sono le prime cause di contagio – spiega Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali – nella nostra idea di welfare è fondamentale la rete col territorio e la collaborazione con le associazioni. In questo modo rendiamo possibile e capillare l’azione di sensibilizzazione e l’allargamento dei servizi e mettiamo in campo progetti e iniziative, come questa campagna, che promuovono il diritto alla salute e una efficace azione di cura della persona, portandola sempre più vicina ai cittadini”.

Il controllo e la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale (MTS), tra cui l’Hiv, rappresentano uno degli obiettivi prioritari di sanità pubblica perché la prevenzione è ancora la strategia migliore per la propria salute sessuale. Troppe ancora persone si infettano ogni anno, in particolare, chi ha comportamenti sessuali a rischio: giovani adulti, pluripartner, maschi che fanno sesso con altri maschi (Msm), chi ha rapporti sessuali in cambio di denaro, le donne e gli adolescenti maggiormente suscettibili sul piano biologico alle Mts.

Le complicanze, in caso di mancata diagnosi e terapia, possono essere anche gravi: cronicizzazione della malattia, sterilità, tumori, maggiore suscettibilità ad altre infezioni (HIV). Infine, la stima delle persone inconsapevoli dell’infezione da HIV varia dal 13 al 40 per cento rispetto ai casi segnalati quindi il numero delle persone viventi con HIV e con AIDS potrebbe variare, in Lombardia, da 115mila a 145mila. Un paziente su tre scopre di avere l’infezione da HIV in corso dalla diagnosi di altre MTS.
Estratto da Milano.Repubblica

L’articolo SmartSex all’Expo è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

ICAR 2015 Coming Soon

postato in: AIDS, HIV | 0

 

icarDal 17 al 19 maggio presso il Palazzo dei Congressi a Riccione si terrà la 7° Conferenza Italiana sull’Aids e i Retrovirus.
Un’occasione di confronto e condivisione fra clinica e ricerca di base in campo virologico e immunologico, dalla cura della co-infezione con Epatite C fino alla medicina di genere; la presenza della Community delle Associazioni di pazienti per porre l’accento alle esigenze e i problemi delle persone con HIV e le strategie di prevenzione sia farmacologiche che comportamentali.

ICAR 2015 quest’anno, oltre a rappresentare il principale appuntamento scientifico sull’ HIV ed Epatiti, propone per la prima volta una serie di Eventi speciali organizzati in collaborazione con la Comunità dei Pazienti e il Comune di Riccione, con l’obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prevenzione.
Un concorso per le scuole RaccontArt HIV, un evento sportivo ICAR Run e l’offerta del Test rapido HIV e HCV per tutti i cittadini Domenica 17 maggio dalle 11.00 alle 14.00.
Tutte le infomazioni sono disponibili sul sito del Congresso.
Programma preliminare ICAR 2015

L’articolo ICAR 2015 Coming Soon è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

Le donazioni di sangue in Italia

postato in: AIDS, HIV | 0

 

donazioniLa sentenza della Corte di Giustizia Europea che giustifica il divieto della donazioni si sangue da parte delle persone omosessuali, non ha motivazioni scientifiche secondo il direttore del Centro nazionale Sangue e non aumenta le garanzie di sicurezza in quanto la valutazione del donatore deve essere fatta ad personam .

 

 

 

30 APR – Alla base della sentenza della Corte di Giustizia Europea, che ha definito “giustificabile” l’esclusione permanente dalla donazione di sangue per chi ha avuto rapporti omosessuali, “non ci sono motivazioni scientifiche, dal momento che non sono ad oggi rilevati casi di trasmissione di Hiv a seguito di donazioni di sangue da uomini gay”. Piuttosto “ciò che va effettuato è una valutazione del rischio per ogni singola persona che vuole donare il sangue, e ciò indipendentemente dall’orientamento sessuale”.

Il direttore del Centro nazionale Sangue, Giuliano Grazzini, commenta così la sentenza Ue. Sentenza che, secondo Grazzini, “non aumenta le garanzie di sicurezza per le donazioni di sangue”. Per questo in Italia si è scelto di lavorare sul singolo donatore: “Prima della donazione del sangue – spiega il direttore Cns – il medico fa un’accurata anamnesi del potenziale donatore, accertando se il soggetto ha comportamenti sessuali a rischio, sia di tipo omosessuale che eterosessuale; se si tratta di comportamenti lievi e casuali, è prevista una sospensione della donazione per un periodo di 4 mesi, mentre a fronte di comportamenti a rischio ripetuti ed abitudinari la sospensione diventa definitiva”.

Questa valutazione “ad personam assicura dunque le maggiori garanzie. Al contrario – rileva – le nostre leggi vietano la discriminazione sulla base del semplice orientamento sessuale”. Inoltre, ribadisce l’esperto, “non ci risultano in Italia casi di trasmissione di virus Hiv da donazione di sangue, mentre alcuni casi si sono verificati in Austria e Germania da donatori, però, eterosessuali”. Per Grazzini, insomma, l’Italia “ha un sistema di controllo in questo senso meno ‘restrittivo’, ma estremamente accurato e con un livello di attenzione altissimo”.

Fonte: Quotidianosanità

L’articolo Le donazioni di sangue in Italia è uno degli articoli di Poloinformativo HIV AIDS.

1 16 17 18 19 20