International Candlelight Memorial 2024

postato in: AIDS | 0

 

Una giornata per sensibilizzare alla prevenzione per HIV e contro lo stigma verso le persone che vivono con HIV ; In contemporanea con 115 città nel mondo.

Test HIV e sifilide, in apertura della Spring European testing week 

Il Candlelight 2024 è intitolato a Ursula Barzaghi, storica attivista scomparsa nel 2023 e colonna portante di ASA.

 

Domenica 19 maggio 2024, dalle 18.00 alle 22.00 presso Piazza Spoleto/Via Martiri Oscuri 14 (detta anche Piazza Arcobaleno di NO.LO.),

ASA – Associazione Solidarietà AIDS Milano, in collaborazione con Milano Checkpoint e con il patrocinio di ANLAIDS Lombardia LILA Milano e CIG Arcigay Milano,  organizza l’“International AIDS Candlelight Memorial”, una manifestazione nata con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione dell’HIV e di altre infezioni sessualmente trasmissibili, nonché superare lo stigma nei confronti delle persone che vivono con HIV

(U=U (Undetectable = Untrasmittable ovvero Non rilevabile=Non trasmissibile)

 

L’evento si celebra in contemporanea in 115 città nel mondo insieme a 1200 comunità.

Anche quest’anno ASA ha scelto di coinvolgere la cittadinanza somministrando il test HIV e Sifilide dalle 18 alle 22.

Operatori qualificati saranno a disposizione per la somministrazione del test HIV/sifilide rapido, anonimo e gratuito in apertura di European testing week, la settimana dedicata a tutte le associazioni europee che offrono servizi di screening.

Alle 21 si apriranno i microfoni per raccontare la mission del Candlelight e per raccogliere testimonianze.

All’imbrunire si accenderanno le candele per ricordare chi non c’è più e rinnovare l’impegno contro stigma e pregiudizi.

Durante tutta la durata dell’evento saranno a disposizione operatori qualificati per fornire informazioni e distribuire materiale informativo.

 

International AIDS Candlelight Memorial Italia

Piazza Spoleto / Via Martiri Oscuri 14 (M1 Rovereto)

Dalle 18 alle 22

Test rapido HIV e Sifilide: Anonimo, sicuro, gratuito con personale qualificato

European testing week

 

Dalle 21 alle 22

Commemorazione Candlelight – Il ricordo di Ursula Barzaghi

a lume di candela

www.asamilano.org

www.candlelightmemorial.net

www.impossibilesbagliare.it

www.testingweek.eu

 

#AIDScandlelightMemorial #WeRemember #WeTakeAction #WeLIveBejondHIV #NoHIVStigma #UequalsU #asamilano #milanocheckpoint #lilamilano #anlaidsLombardia

Sul sito ufficiale di IACM è possibile accendere una candela virtuale in ricordo di un amico o un parente vittima di HIV/AIDS

www.candlelightmemorial.net/virtual-candles

 

 

URSULA BARZAGHI

è stata la prima madre in Italia ad affrontare a viso aperto il pregiudizio che aveva colpito il figlio Enrico, tra i primi a dichiarare di aver contratto il virus HIV e di avere l’AIDS.

La sua testimonianza è raccolta nel libro “Senza vergogna: Una storia di coraggio contro l’Aids”, pubblicato nel 1996 da e/o.

Ulla, così la chiamavamo in associazione, ha contribuito a portare in Italia il Names Project AIDS Memorial Quilt o Coperte dei Nomi.

Ulla entrava nelle scuole e nelle carceri, incontrava le mamme che avevano perso la figlia o il figlio e accoglieva chi aveva da poco scoperto di essere entrato in contatto con il virus. Sempre con un sorriso.

ASA, tutt’ora, porta avanti il suo esempio nella lotta alla discriminazione e nel supportare le persone che vivono con HIV.

 

Cosa significa U=U ?

 Sono ormai anni che la comunità scientifica ha sancito che una persona che vive con HIV in terapia e con carica virale non rilevabile non può in alcun modo trasmettere il virus. Una evidenza scientifica riassunta nello slogan U=U (Undetectable = Untrasmittable -Non rilevabile=Non trasmissibile).

La scarsa, per non dire assente, informazione sull’argomento alimenta, soprattutto nei giovani, ancora la falsa convinzione che il virus possa essere trasmesso con un bacio o con un abbraccio. Il divario tra realtà e diffidenza deve essere assolutamente colmato, così come l’informazione sulle modalità di trasmissione di HIV.

 

 

Per informazioni:

Donatello Zagato e Marinella Zetti

ufficiostampa@asamilano.org

Tel. 0258107084

Il Ricordo di ULLA

postato in: AIDS | 0

Ursula Barzaghi è stata la prima madre in Italia ad affrontare a viso aperto il pregiudizio che aveva colpito il figlio Enrico, tra i primi a dichiarare di aver contratto il virus HIV e di avere l’AIDS.

La sua testimonianza è raccolta nel libro “Senza vergogna: Una storia di coraggio contro l’Aids”, pubblicato nel 1996 da e/o.

Ulla, così la chiamavamo in associazione, ha contribuito a portare in Italia il Names Project AIDS Memorial Quilt o Coperte dei Nomi.

Ulla entrava nelle scuole e nelle carceri, incontrava le mamme che avevano perso la figlia o il figlio e accoglieva chi aveva da poco scoperto di essere entrato in contatto con il virus. Sempre con un sorriso.

ASA porta avanti il suo esempio nella lotta alla discriminazione e nel supportare le persone che vivono con HIV.

AWARENESS CAMPAGNA HIV. NE PARLIAMO?

postato in: AIDS | 0

Oggi chi vive con l’infezione da HIV può avere una buona qualità di vita grazie alle terapie disponibili. Ma l’obiettivo è vivere meglio.

“HIV. Ne parliamo?” è l’iniziativa che nasce proprio con questo intento: porre l’attenzione sugli aspetti di vita che possono essere migliorati, dal benessere psicologico alle relazioni con gli altri, attraverso consigli, informazioni utili, e le storie di chi vive con l’HIV. Per prenderne consapevolezza e iniziare ad affrontarli, puoi partire da una semplice domanda da fare al tuo medico: ne parliamo? ​

Scopri di più su: HIVneparliamo?

#HIV #HIVneparliamo

Convocazione assemblea generale soci ASA 2024

postato in: AIDS | 0

Convocazione assemblea ordinaria soci ASA 2024

Carissima/o Socia/o
Ti informiamo che l’assemblea generale è stata convocata:
presso la sede di A.S.A. O.D.V. - via Arena 25 – Milano

in prima convocazione lunedì 27/05/2024 alle ore 06:00;
in seconda convocazione martedì 28/05/2024 alle ore 20:30

con il seguente ordine del giorno:
1. Relazione e lettura del Bilancio Sociale anno 2023;
2. Approvazione Bilancio Consuntivo anno 2023;
3. Approvazione Bilancio Preventivo anno 2024;
4. Elezione del Consiglio Direttivo 2024/2027;
5. Varie ed eventuali;

In caso di impossibilità ad intervenire ti invitiamo a delegare un Socio/a di tua fiducia, compilando il modulo scaricabile a questo link  e facendolo consegnare al delegato in occasione dell’Assemblea,
oppure
inviandolo tramite e-mail a amministrazione@asamilano.org

ISTRUZIONI per la delega:

  1. scarica il pdf, stampa , compila in tutte le sue parti, scansiona o fai una foto, invia a amministrazione@asamilano.org.    oppure
  2. scarica il pdf, stampa, compila in tutte le sue parti, consegna in segreteria ASA.  oppure
  3. richiedi il modulo della delega direttamente in sede segreteria ASA 

Inoltre chi non avesse ancora provveduto a rinnovare la tessera annuale (€ 10,00) può procedere con le solite modalità:

-  Bonifico bancario con causale rinnovo tessera 2024 all’IBAN IT45W0538701603000035127650 intestato ad Associazione Solidarietà AIDS

-  PayPal con causale rinnovo tessera 2024

-  Contanti o bancomat/carte in sede

Il testo completo della convocazione è disponibile al seguente LINK

#RestaincuraHIV – Impatto del COVID-19 sulla salute delle persone con HIV

postato in: AIDS | 0

 

 

Per comprendere meglio quanto la pandemia ha influenzato la vita, la fruizione dei servizi sanitari e il mantenimento in cura delle persone con HIV, abbiamo bisogno anche del tuo contributo!

 

Questa attività è parte del progetto L’IMPATTO DI COVID-19 SUI PROCESSI E GLI ESITI DELLA CURA DELLE PERSONE CON HIV. promosso dal Ministero della Salute e coordinato da INMI L. Spallanzani in collaborazione con Anlaids, Arcigay, ASA Milano, Arcobaleno AIDS, Caritas, CDCA, CICA, Circolo Mario Mieli, CNCA, Fondazione Villa Maraini, LILA, Milano Checkpoint, NPS Italia, PLUS e SIMM.

 

Il progetto si propone di indagare l’eventuale impatto del COVID-19 sulla gestione della salute delle persone con HIV, rilevando le eventuali criticità soggettive e oggettive sperimentate, il contributo delle Associazioni di volontariato e del terzo settore che si occupano della lotta contro l’HIV e la propria esperienza con i servizi di medicina a distanza.

 

Se hai ricevuto una diagnosi di infezione da HIV entro il 31 maggio 2020, puoi aiutarci compilando una indagine in maniera del tutto anonima * 

 

RESTA IN CURA HIV 

collegati a questo link compilare il questionario anonimo  https://limesurvey.inmi.it/index.php/restaincuraHIV

oppure scansiona con il tuo smartphone il seguente QR code

 

È possibile partecipare all’indagine fino al 20 luglio 2023.

 

Grazie per il tuo contributo!

 

 

* I dati raccolti verranno registrati in forma del tutto ANONIMA in un database gestito dal personale dell’Unità di Epidemiologia Clinica dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, e utilizzati esclusivamente per le finalità e gli obiettivi del progetto. Non verrà salvata nessuna informazione personale del partecipante, né operato nessun salvataggio o tracciatura del dispositivo utilizzato per la compilazione.

 

È possibile richiedere informazioni inviando una mail all’indirizzo spallanzani.survey@inmi.it o telefonando al numero 06-55170911 / 06-55170921.

INTERNATIONAL AIDS CANDLELIGHT MEMORIAL 2023

postato in: AIDS | 0

 

International AIDS Candlelight Memorial 2023

Diffondi Amore e Solidarietà ! NO Stigma e Paura !

 

Una data per sensibilizzare la prevenzione all’HIV
in 115 città nel mondo

Test HIV e sifilide in Largo Bellintani – Spring European testing week 

 

Domenica 21 maggio 2023, dalle 18.00 alle 22.00 presso Largo Bellintani a Milano (piazzale chiesa del Lazzaretto lato viale Tunisia), ASA – Associazione Solidarietà AIDS Milano organizza l’“International AIDS Candlelight Memorial”, una manifestazione nata con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili, nonché superare lo stigma nei confronti delle persone con HIV. L’evento si celebra in contemporanea in 115 città nel mondo, coinvolgendo 1200 comunità.

Anche quest’anno ASA ha scelto di coinvolgere la cittadinanza somministrando il test HIV e Sifilide dalle 18 alle 22

Operatori qualificati saranno a disposizione per la somministrazione del test HIV/sifilide rapido, anonimo e gratuito in occasione di European testing week, la settimana dedicata a tutte le associazioni europee che offrono servizi di screening.

 

Poi si apriranno i microfoni per spiegare il significato del Candlelight e per raccogliere testimonianze e all’imbrunire si accenderanno le luci per ricordare chi non c’è più e rinnovare l’impegno contro stigma e pregiudizi.

Ci sarà ampio spazio per parlare di PrEP (profilassi pre-esposizione HIV) e della recente apertura di AIFA alla rimborsabilità del farmaco.

Durante tutta la durata dell’evento saranno a disposizione operatori qualificati per fornire informazioni e distribuire materiale informativo.

 

Il Candlelight 2023 ha come tema conduttore “ diffondi Amore e Solidarietà, no Stigma e Paura“, un messaggio che invita a superare la diffidenza verso le persone sieropositive ancora soggette a discriminazioni.

 

Cosa significa U=U ?

 Sono ormai anni che la comunità scientifica ha sancito che una persona sieropositiva in terapia antiretrovirale e con carica virale non rilevabile non può in alcun modo essere infettiva. Una evidenza scientifica riassunta nello slogan U=U (Undetectable = Untrasmittable -Non rilevabile=Non trasmissibile).

La scarsa, per non dire assente, informazione sull’argomento alimenta, soprattutto nei giovani, ancora la falsa convinzione che il virus possa essere trasmesso con un bacio o con un abbraccio. Il divario tra realtà e diffidenza deve essere assolutamente colmato, così come l’informazione sulle modalità di trasmissione di HIV.

 

Il nome stesso “Candlelight’ rimanda al concetto di una fiaccolata commemorativa, ma ogni comunità nel mondo declina l’evento a secondo della mission che si propone.

Come nasce il Candlelight

Il Candlelight è nato nel 1983, durante un periodo di confusione e di credenze sbagliate rispetto ad una misteriosa malattia che aveva iniziato a colpire la popolazione gay di San Francisco negli Stati Uniti. Sapendo di dover morire, 4 giovani uomini – Bobbi Campell, Bobby Reynolds, Dan Turner e Mark Feldman – decisero di dare un volto alla malattia organizzando una piccola veglia dietro ad uno striscione che recitava : Fighting for our lives – Combiattiamo per le nostre vite. Prepararono degli striscioni e decisero di marciare nel quartiere di Castro, li raggiunsero molte altre persone e poi negli anni si unirono altre città negli Stati Uniti e nel mondo.
Ancora oggi, il Candlelight rimane una delle più importanti dimostrazioni di impegno della società civile nella lotta alla discriminazione e nella promozione di prevenzione dell’HIV e delle infezioni sessualmente trasmissibili.

www.asamilano.org

www.candlelightmemorial.net

#AIDScandlelightMemorial23 #WeRemember #WeTakeAction #WeLIveBejondHIV #NoHIVStigma #UequalsU #freePrEP #PrEPNow

Sul sito ufficiale di IACM è possibile accendere una candela virtuale in ricordo di un amico o un parente vittima di HIV/AIDS

https://www.candlelightmemorial.net/virtual-candles/

 

International AIDS Candlelight Memorial Italia

Largo Bellintani Milano

 

Dalle 18 alle 22

Test rapido HIV e Sifilide: Anonimo, sicuro, gratuito con personale qualificato

European testing week

 

Dalle 20.30 alle 22

Commemorazione Candlelight

Per parlare di U=U, Stigma, PrEP

Al Lume di Candela

 

Per informazioni:

Donatello Zagato e Marinella Zetti

ufficiostampa@asamilano.org

Tel. 0258107084

Monkey Pox ( MPOX) – Campagna di vaccinazione

postato in: AIDS | 0

Non c’è un vaccino contro il pregiudizio ma c’è quello per #MPOX ! 👇 Leggi qui 👇

 📌 MPOX (il nuovo nome del vaiolo delle scimmie) ha raramente un decorso grave e la mortalità riportata molto bassa, ma è sempre bene tenere a mente poche e semplici accortezze per proteggere noi stessi e gli altri:

 ⭕ Fai attenzione alla possibilità di contagio durante i rapporti sessuali.

 ⭕ Evita il contatto stretto con casi sospetti o confermati di Mpox.

 ⭕ Pulisci e disinfetta gli ambienti che potrebbero essere stati contaminati.

 ⭕ L’utilizzo del preservativo può ridurre il rischio e l’entità dell’esposizione al virus durante il rapporto sessuale.

 Se pensi di avere contratto Mpox rimani in casa e informa il medico di base, evita i contatti sessuali e segui le indicazioni del medico.

 ⚡ Non avere paura! ⚡ Tutti possono ammalarsi, ma sappiamo come proteggerci. 

 Per saperne di più: https://www.salute.gov.it/portale/malattieInfettive/dettaglioSchedeMalattieInfettive.jsp?lingua=italiano&id=254&area=Malattie%20infettive&menu=indiceAZ&tab=1

Campagna promossa da: Ministero della Salute, IRCCS INMI Lazzaro Spallanzani, Anlaids, Arcigay, ASA, Circolo Mario Mieli, CICA, CNCA, GAYNET, LILA ONLUS, NADIR, NPS, PLUS

AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA AL 31 DICEMBRE 2021 – Istituto Superiore della Sanità

postato in: AIDS | 0

Sono stati pubblicati dall’ Istituto Superiore di Sanità i dati delle nuove diagnosi di infezioni da HIV e dei casi di AIDS in Italia.

Il notiziario in breve 

Dal 2012 i dati sulla sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV hanno una copertura nazionale.

Nel 2021, sono state riportate 1.770 nuove diagnosi di infezione da HIV pari a 3,0 nuovi casi per 100.000 residenti. Si sottolinea che i dati relativi al 2020 e al 2021 hanno risentito dell’emergenza COVID-19.

L’incidenza osservata in Italia è inferiore rispetto all’incidenza media stimata tra le nazioni dell’Unione Europea (4,3 nuovi casi per 100.000). Dal 2018 si osserva una evidente diminuzione dei casi per tutte le modalità di trasmissione.

Nel 2021, la proporzione di nuovi casi attribuibile a trasmissione eterosessuale era 44% (27,2% maschi e 16,8% femmine), quella in maschi
che fanno sesso con maschi 39,5% e quella attribuibile a persone che usano sostanze stupefacenti 4,2%. Il Registro Nazionale AIDS, attivo dal 1982, nel 2021 ha ricevuto 382 segnalazioni di nuovi casi di AIDS, pari a un’incidenza di 0,6 nuovi casi per 100.000 residenti.

L’83% dei casi di AIDS segnalati nel 2021 era costituito da persone che hanno scoperto di essere HIV positive nei sei mesi precedenti alla diagnosi di AIDS.

disponibile e scaricabile QUI l’intera pubblicazione in PDF

Lettera aperta delle organizzazioni e ETS di pazienti e operatori socio-sanitari HIV al Ministro della Salute Orazio Schillaci

postato in: AIDS | 0

Ci rivolgiamo a Lei, Onorevole Ministro Schillaci, che si trova di fronte a compiti irrisolti per decenni, in nome delle organizzazioni e ETS di pazienti e operatori socio-sanitari HIV. In questo periodo è necessario sviluppare la riorganizzazione che l’Italia si è impegnata ad applicare entro il 2030 per ottemperare agli Obiettivi ONU di Sviluppo Sostenibile.

 

In questi due decenni la Commissione Nazionale AIDS e la Consulta delle Associazioni HIV, ora il CTS sez. L e M, hanno fornito raccomandazioni al Ministero della Salute basandosi sulla scienza e sull’evidenza, che provengono dal nostro vissuto e da quello delle persone che afferiscono in numero sempre maggiore alle nostre organizzazioni e centri.

 

La Commissione Affari Sociali aveva predisposto, con la proposta di legge 1972 a firma D’Attis, l’abrogazione della legge 135 del ‘90, obsoleta, introducendo nuovi criteri e concetti a noi richiesti dall’estensore per allineare l’Italia con le richieste ONU, UNAIDS, OMS, EMA quando la XVIII legislatura è terminata. Lo scorso ottobre è stata presentata nuovamente dall’estensore per la procedura di approvazione (AC 218).

 

Il Piano Nazionale AIDS, approvato nel 2017 non ha mai visto la sua applicazione per mancanza di stanziamenti.

 

La Profilassi pre-Esposizione, oggetto di raccomandazione di ONU, EMA, Parlamento Europeo è ancora in attesa dell’approvazione AIFA per la successiva applicazione con un costo sociale ed economico maggiore per l’Italia, mentre i Paesi ove è disponibile ne hanno confermato la validità.

 

Lo stigma nei confronti delle persone con HIV è ancora un dramma che rappresenta aspetti psicologici, sociali e professionali. L’evidenza della non trasmissibilità dell’HIV in presenza di terapia ARV, dopo la consensus conference del 2019, è ancora un concetto

sconosciuto ai più che le Organizzazioni HIV cercano di sostenere senza l’aiuto dello Stato.

 

I tempi che intercorrono per l’accesso ai nuovi farmaci ARV, oggi meno tossici, più efficaci, sviluppati per creare una migliore personalizzazione della terapia a lungo termine, dal momento dell’approvazione EMA alla concreta disponibilità nelle regioni italiane, Ministro, superano i 12 e talvolta i 18 mesi restando tra i più lunghi d’Europa.

 

Ancora oggi le persone che scoprono la propria positività al test per l’HIV per il 58% è in condizioni di AIDS, come confermano i dati COA ISS del 2021. I decessi valutati dall’ISTAT nell’epoca pre-Covid19 riferivano 509 morti all’anno.

E’ un dato di fatto, amaro dopo il quarto decennio dalla scoperta dell’HIV, dopo gli avanzamenti della ricerca che non sono accompagnati dall’informazione istituzionale sulla prevenzione e sui rischi che derivano dall’HIV, soprattutto nel tempo.

 

Piano Nazionale della Prevenzione 2022, efficientamento della medicina territoriale, accesso omogeneo sul territorio alle vaccinazioni, alle cure e all’assistenza, ruolo degli Enti del Terzo Settore sono esempi di grandiose intenzioni che spetterà a Lei far applicare in modo adeguato per rispondere alla richiesta di salute crescente di fronte alle minacce di nuove infezioni.

 

Ci auguriamo che con la Sua gestione le misure per prevenire l’HIV e sostenere la popolazione anche con l’aiuto del Terzo Settore diventino una priorità per il Paese.

 

Ci consideri a disposizione del Ministero per proseguire il lavoro di miglioramento delle misure in favore della Salute e, di conseguenza, contro la diffusione dell’HIV e delle patologie collegate. Ma anche questo lavoro, complementare a quello del SSN, implica preparazione e continuità che riusciamo a dare solo supportando le professionalità che collaborano con i nostri Enti.

 

Roma, 23 novembre 2022

 

NADIR ETS, Roma, Filippo von Schlösser, Presidente, membro CTS sez. M

ASA ETS, Milano, Massimo Cernuschi, Presidente, membro CTS Sez. M

ARCIGAY ETS, Bologna, Ilenia Pennisi, referente Salute

Milano CHECK POINT ETS, Daniele Calzavara, Segretario, Milano

I RAGAZZI DELLA PANCHINA ODV, Ada Moznich, Pordenone, membro CTS sez M

PLUS ETS, Bologna, Sandro Mattioli, Presidente, membro CTS Sez. M

ARCOBALENO AIDS ODV, Torino, Stefano Patrucco, Segr. Gen., Membro CTS Sez. M

ANLAIDS Lazio ETS, Giulia Valeria Calvino, Roma, membro CTS sez. M

LILA, Lega italiana lotta AIDS, Giusi Giupponi, Presidente Nazionale, Como, membro CTS Sez. M

NPS Italia APS, Margherita Errico, Presidente, Roma, membro CTS Sez M

C.N.C.A. Coordinamento Naz. Case Alloggio, Paolo Meli, Bergamo, membro CTS Sez. M

Circolo MARIO MIELI, Massimo Farinella, Roma, membro CTS sez. M

Undress your stigma – Primo dicembre World AIDS day

postato in: AIDS | 0

Il primo dicembre UNDRESS YOUR STIGMA al Silicone Club

In occasione del World AIDS DAY ci vediamo al Silicone Club in Via Plezzo 16 dalle 20:00 a mezzanotte.
Durante la serata si esibiranno Ella Bottom Rouge Kenjii Benjii Croce Atroce Albø Andromeda X Enem segue Dj set di LoZelmo Dj

L’ingresso di 10 euro comprende un aperitivo offerto da Noloso e l’intero ricavato della serata sarà devoluto a Asa Milano e Milano Check Point

UNDRESS YOUR STIGMA – 1 dicembre 2022 Silicone Club Milano via Plezzo 16 ( M2 Lambrate e 2 minuti a piedi) 
– Performance
– DJ set
– installazione multimediale del Names Project AIDS Memorial Quilt (La coperta dei nomi)
– Test HIV/sifilide rapido e gratuito eseguito in ambiente protetto da operatori qualificati

Venite a supportarci!
(Non serve prenotare)

#SiliconeClub #noloso #Asa #MilanoCheckpoint #UndressYourStigma #Performance #Art #Artisti #WorldAidsDai #1Dicembre

1 2 3 4 20