Problemi ai neonati per uso Dolutegravir in gravidanza

postato in: AIDS, HIV | 0

Lo studio Tsepano ha evidenziato difetti del tubo neurale nei neonati nati da donne esposte a all’antiretrovirale al momento del concepimento.

I risultati preliminari dello Studio Tsepano di sorveglianza sull’uso di Dolutegravir in gravidanza finanziato da NIH/NICHD e condotto in Botswana, mostrano un numero di anomalie congenite, denominate difetti del tubo neurale (neural tube defects – NTDs), più elevato rispetto a quanto atteso. 

Sono stati segnalati 4 casi di difetti del tubo neurale (neural tube defects – NTD) su 426 bambini nati da donne che, al momento del concepimento, erano in trattamento con Dolutegravir come parte della terapia antiretrovirale di combinazione. Ciò rappresenta un’incidenza di circa lo 0,9%, più elevata di quella attesa.  

Il Dolutegravir è stato testato in un programma completo di studi di tossicologia della riproduzione, compresi studi sullo sviluppo embrio-fetale, e non è stato identificato alcun tipo di segnale indicativo di tossicità a livello embrionale. Questi modelli animali generalmente sono predittivi della teratogenicità indotta da farmaci ed è piuttosto insolito osservare un effetto nell’uomo se non vi è stata evidenza di tale effetto nei modelli animali.   

Sebbene esista un’esperienza limitata sull’uso di Dolutegravir in gravidanza, attualmente non vi sono altri segnali di anomalie congenite (inclusi NTD) associate all’uso di Dolutegravir durante la gravidanza. ViiV tiene a precisare che non sono è osservata alcuna evidenza da nessuna delle altre fonti di dati, incluso l’Antiretroviral Pregnancy Registry, gli studi clinici e la sorveglianza post-marketing. 

ViiV Healthcare ha immediatamente informato le Autorità Regolatorie competenti che stanno valutando la situazione.  Nel frattempo sono state definite misure precauzionali per l’impiego di Dolutegravir nelle donne che pianificano una gravidanza.  ViiV ha predisposto una lettera informativa (Dear HCP letter) il cui testo e la lista di distribuzione sono in fase di revisione con AIFA e che verrà inviata non appena sarà possibile a tutti gli operatori sanitari interessati

Per anticipare i tempi di informazione ViiV ha ritenuto di inviare preliminarmente una comunicazione gli infettivologi interessati e alle associazioni di persone LGBT, con HIV o che operano in questo ambito. ViiV Healthcare proseguirà nella ri-valutazione dell’intero corpo di dati relativi all’impiego di DTG in gravidanza ed esplorerà ulteriori opzioni per la generazione dei dati. Inoltre stiamo lavorando in stretta collaborazione con gli interlocutori esterni, inclusi WHO e gli sperimentatori coinvolti nello studio Tsepamo.  

Su sito di AIFA è trovare le raccomandazioni stabilite con l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) sull’impiego di Dolutegravir nelle donne che pianificano una gravidanza.

http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/comunicazione-ema-su-dolutegravir-18052018

Gli uomini sieronegativi continuano a prediligere lo stigma rispetto alla scienza

postato in: AIDS | 0

Un autore HIV negativo si chiede: Perché continua a non essere recepito il messaggio “Non rilevabile = Non trasmissibile” ?

di Mathew Rodriguez

 

Un recente studio conferma che il timore nei confronti dell’HIV continua a prevalere rispetto alla conoscenza scientifica del virus.

In base ad un recente studio pubblicato sul Journal of the International AIDS Society, un inquietante elevata percentuale di uomini gay sieronegativi mettono in dubbio la veridicità dell’affermazione “Non rilevabile = Non trasmissibile” (Undetectable = Untrasmissable, U=U). Se non avete mai sentito questo slogan prima d’ora, è molto semplice. Le persone che convivono con l’HIV, in terapia e con carica virale non rilevabile non sono in grado di trasmettere il virus ai loro partner sessuali. Lo slogan è stato coniato dopo che nel 2016 lo studio PARTNER ha dimostrato che, tra più di 1.100 coppie sierodiscordanti, nessun partner sieronegativo ha contratto l’HIV dal partner sieropositivo.

Lo studio del 2018 sull’affermazione U=U ha reclutato 12.222 uomini gay e bisessuali idonei  per condividere come realmente essi percepissero lo slogan, che sta guadagnando consensi all’interno delle comunità mediche e scientifiche, sebbene questo consenso non si sia esteso alla popolazione generale. Agli uomini reclutati è stato chiesto quanto ritenessero veritiero lo slogan: totalmente veritiero, in parte veritiero, in parte inattendibile, totalmente inattendibile.

Solamente un terzo degli uomini sieronegativi che non erano a conoscenza del loro status sierologico ritenevano che l’affermazione fosse totalmente o in parte veritiera, rispetto al 70%  degli uomini sieropositivi. Tra gli uomini sieronegativi, quelli in PrEP, quelli che si sottoponevano a test HIV ogni sei mesi e quelli che praticavano sesso anale non protetto con partner sieropositivi erano più propensi a ritenere veritiera l’affermazione “U=U”.

È necessario che gli uomini sieronegativi facciano di meglio. A livello puramente umano, il fenomeno che si nasconde dietro ai dati è che gli uomini sieronegativi si rifiutano di considerare le persone sieropositive se non come un virus che fluttua nel loro sangue. Quando un virus microscopico eclissa l’essere una persona, c’è qualcosa che non torna.

In qualità di persona sieronegativa, posso comprendere la miriade di ragioni per le quali possiate ancora non credere che non rilevabile = non trasmissibile. In realtà non si tratta di imparare qualcosa di nuovo, ma piuttosto di dimenticare i messaggi che ci hanno accompagnati tutta la vita che il solo essere gay, e amando altri uomini, conduca a contrarre l’HIV. E la maggior parte delle campagne di prevenzione pubbliche hanno spesso rappresentato gli uomini gay sieropositivi come dei condannati. Nella città di New York, una campagna di prevenzione, “Non è mai solo HIV”, rappresentava la vita con l’HIV come un film horror. Una campagna francese invece, trasformava nel vero senso della parola le persone sieropositive in scorpioni.

Lasciando da parte le campagne di prevenzione pubbliche, gran parte della cultura gay maschile ruota intorno al virus come una storia condivisa. I film e le opere teatrali incentrati sull’esperienza omosessuale americana spesso raffigurano l’epidemia di AIDS con effetti diversi. Se da un lato possono servire a unire la comunità esplorando la nostra storia condivisa, dall’altro possono traumatizzare. E, naturalmente, è necessario sottolineare che ogni uomo sieronegativo ha anche un suo personale rapporto con l’HIV, indipendente dalle sue rappresentazioni pubbliche o culturali. Sebbene io non sia sieropositivo, ho visto mio padre, un uomo amorevole ed eroinomane, morire dopo aver vissuto per anni con l’HIV e con tutta una serie di co-infezioni.

Sebbene sia semplice vedere la radice di questo stigma di lunga durata, ciò non è una scusa per la sua sopravvivenza. Nell’era dell’U=U, ritenere che le persone sieropositive con una viremia non rilevabile possano trasmettere il virus è come negare i cambiamenti climatici. C’è il consenso scientifico. Siete voi che scegliete di ignorarlo sulla base delle vostre vecchie convinzioni.

Certamente noi uomini omosessuali siamo traumatizzati dall’HIV e il trauma deve essere rispettato. Ma, voi uomini sieronegativi che decidete che il vostro personale trauma è più importante dell’umanità di una persona sieropositiva,  dovete capire che il problema è il vostro stigma interiorizzato, non il virus.

Quando in passato ho scritto questo su internet, sono stato attaccato da uomini sieronegativi che affermavano che stavo dicendo alle persone con chi devono andare a letto o che stavo dicendo che loro sono dei bigotti se fanno scelte relative ai loro corpi. Non è così. Ciò che sto dicendo è che ci sono moltissimi modi disponibili per diminuire il rischio di contrarre il virus. Ci sono i preservativi, la PrEP, la PEP e il trattamento per HIV. Ma la paura e lo stigma non sono metodi di protezione. La vostra paura non vi proteggerà dal contrarre nulla. Mantenere questa paura non serve a nulla se non a creare un buco tra voi e le altre persone omosessuali, ed è vostro dovere superare questa paura, non solo per voi stessi, ma per le persone sieropositive che ne sono danneggiate.

La paura dell’HIV continua a devastare le vite delle persone che convivono con il virus. Se da una parte i progressi della medicina hanno reso la vita con l’HIV più semplice sotto molti aspetti, lo stigma e la paura del virus rimangono un problema. Lasciando da parte l’interazione individuale con le persone sieropositive, la quantità di paura nel mondo rende semplice ai politici e alle persone che lavorano nel sistema giudiziario penale penalizzare le persone sieropositive solo per il fatto che esistono. La vostra paura non è solo vostra; essa perpetua un divario sociale virale che dovremmo smantellare, non alimentare.

Sono necessari tantissimi sforzi per superare la paura e il trauma, ma superato lo stigma si produce un bellissimo fenomeno. Quando vi sforzate di dimenticarlo, lasciate spazio al riconoscimento dell’umanità delle persone sieropositive e lasciate spazio ad una maggiore intimità e legame. Per troppo tempo, lo sforzo di creare questo legame è stato lasciato alle persone sieropositive, che si sono dovute far carico di gestire l’HIV a livello medico e sociale. Ma la battaglia non può esser solo loro. Se questo studio vuole mettere in luce qualcosa, è proprio che le persone sieronegative si rifiutano di sforzarsi, anche quando sono esse stesse a creare il danno.

M. Rodriguez

fonte www.poz.com

Traduzione in italiano di Giulio F.

 

Assemblea generale dei soci – Rinnovo del consiglio direttivo e approvazione dei bilanci

postato in: AIDS | 0

 

Giovedì 14 giugno 2018 si terrà  l’annuale assemblea dei soci per l’ approvazione del bilancio sociale 2017, del bilancio consuntivo 2017 e del bilancio preventivo 2018.

Tutti i soci possono partecipare alla presentazione dei bilanci da approvare con votazione ad alzata di mano. 

IMPORTANTE !

Quest’anno i soci sono chiamati per il rinnovo del consiglio direttivo 2018/2021.

Tutti i soci possono candidarsi per le cariche di:

presidente (1 carica), vice presidente (2 cariche)  e consigliere (6 cariche).

La votazione del consiglio sarà a voto segreto (non ad alzata di mano come per l’approvazione dei bilanci).

L’assemblea si terrà  presso la sede ASA di Via Arena 25 alle 18.30 ( in seconda convocazione)

SI attenderà mezz’ora per permettere a tutti i partecipanti di arrivare. 

 

Per l’ importanza dell’ assemblea è necessario che partecipi una larga parte dei soci ASA.  

Se un socio non potesse partecipare può delegare un altro socio autorizzato a votare per lui.

Qui sotto potrete scaricare l’invito ufficiale e  il form per la delega.

il form deve essere stampato, compilato e firmato. Il form può essere inviato all’ indirizzo email asa@asamilano.org o consegnato direttamente al socio delegato che dovrà  consegnarlo il giorno dell’ assemblea per la registrazione della delega.

 

scarica l’invito ufficiale e il form per la delega

International AIDS candleLight Memorial 2018 U=U – Undetectable = Untransmittable

postato in: AIDS | 0

Una data per sensibilizzare la prevenzione dell’HIV in 115 città nel mondo 

Domenica 20 maggio 2018, dalle 19.00 alle 23.00 al Teatro Franco Parenti, ASA – Associazione Solidarietà AIDS Milano organizza l’evento “International Candlelight Memorial” una manifestazione nata con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sul tema della prevenzione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili, nonché superare lo stigma nei confronti delle persone sieropositive. L’evento si celebra in contemporanea in 115 città nel mondo, coinvolgendo 1200 comunità.

L’ASA – Associazione Solidarietà Aids, che opera dal 1985 per sostenere le persone con HIV/AIDS, organizza quest’anno un Candlelight event molto speciale, grazie alla partecipazione di diversi artisti che si esibiranno al Teatro Franco Parenti. Il tema conduttore di quest’anno è " U=U - Undetectable = Untransmittable, un messaggio che invita a superare la diffidenza verso le persone sieropositive ancora soggette a discriminazioni. Sono ormai anni che la comunità scientifica ha sancito che una persona sieropositiva in terapia antiretrovirale e con carica virale non rilevabile non può in alcun modo essere infettiva. 

La scarsa informazione sull’argomento, nei fatti, alimenta, soprattutto nei giovani, ancora la falsa convinzione che il virus possa essere trasmesso con un bacio o con un abbraccio. Il divario tra realtà e diffidenza deve essere assolutamente colmato, così come l’informazione sulle modalità di trasmissione della malattia. Il "Candlelight" milanese sarà una serata di incontro (con invito gratuito per la cittadinanza) durante la quale si alterneranno performance, reading di attori sul tema, e dj set che accompagnerà la serata.

Il nome stesso ‘Candlelight’ rimanda al concetto di una fiaccolata commemorativa, ma ogni comunità nel mondo declina l’evento a secondo della mission che si propone. ASA, negli ultimi 10 anni, incorpora nell’evento principale una serie di iniziative rivolte ad un pubblico giovane per creare aggregazione e partecipazione. Quest’anno – grazie alla collaborazione con in Teatro Franco Parenti - ASA ha chiamato la compagnia teatrale Animanera che mette in scena lo spettacolo teatrale” Try Creampie! Vuoi venire a letto con me?”. Una performance interattiva  one to one “ per 10 spettatori ogni 10 minuti,  il cui  tema ruota proprio intorno alle storie di amori diversi all’insegna dei desideri travolgenti e totali. Amori che scorrono sulla sottile linea rossa che separa vita e morte, eros e violenza, autocoscienza e confusione. Un viaggio attraverso esperienze artistiche e letterarie, dove l’amore viene scandagliato nelle sue pieghe più segrete: dall’ossessione alla gelosia, dall’abbandono all’appagamento dei sensi, dalla lontananza al contatto fisico, dall’immaginazione alla realtà, attraverso parole sublimi ed evocative, a volte dolorose a volte ironiche.

La seconda performance vede protagonisti i due attori Angelo Di Genio e Riccardo Buffonini che hanno scelto di interpretare alcune scene da The Normal Heart, film diretto da Ryan Murphy e tratto dall'omonima opera teatrale del 1985 di Larry Kramer, fervente attivista gay, sieropositivo, e fondatore del Gay Men's Health Crisis, la più grande associazione di assistenza per malati di Aids nel mondo.

Infine la serata vedrà uno speciale DJ SET di Thomas Costantin, artista e dj resident del Plastic, che si distingue per sonorità elettroniche e sperimentali. Thomas ha da poco lanciato il suo primo EP, Fire, prodotto da Emerald & Doreen Records,EP e vanta già collaborazioni importanti nel mondo della moda e del design.

Commenta Massimo Cernuschi, medico infettivologo dell’Ospedale San Raffaele di Milano e presidente di Asa: “Il Candlelight è nato nel 1983 per ricordare i morti di AIDS. Oggi è anche un modo per sensibilizzare contro la discriminazione e lo stigma che ancora colpisce le persone sieropositive e per diffondere informazioni sulla prevenzione. Due messaggi che in Italia vengono diffusi poco. Siamo davvero entusiasti di poter lavorare con attori e performer al Franco Parenti per coinvolgere le persone con il teatro e far conoscere le attività di ASA”.

ASA Milano punta a trasmettere il messaggio di prevenzione, invitando a superare lo stigma verso le persone sieropositive. Durante tutta la durata dell’evento saranno a disposizione operatori qualificati per fornire informazioni e distribuire materiale informativo.

 

PROGRAMMA DELLA SERATA

U=U - Undetectable = Untrasmittable

Domenica 20 Maggio ore 19.00 – 23.00 

Teatro Franco Parenti 

Via Pier Lombardo 14 - Milano

 

Oper cocktail  - performance & dj set  

Spettacolo ” Try Creampie! Vuoi venire a letto con me?” di Animanera

Performance di Riccardo Buffonini e Angelo Di Genio

 

SMART APP – Per vivere meglio

postato in: AIDS | 0

SMART APP www.appfitness.info

 

Uno studio dell’Ospedale San Raffaele di Milano, in collaborazione con l’Università di Milano, per promuovere uno stile di vita sano in persone HIV+. Partecipazione gratuita.

L’Ospedale San Raffaele di Milano, in collaborazione con l’Università di Milano, sta conducendo lo studio clinico SMARTAPP che coinvolge le persone sieropositive.
Di cosa si tratta? SMARTAPP intende promuovere uno stile di vita sano in persone HIV+, valutando l’effetto di attività sportiva e alimentazione bilanciata su fitness, benessere e infiammazione cronica, quest’ultima correlata con l’assunzione di farmaci antiretrovirali.
Spiega Filippo Turrini, PhD Division of Immunology, Transplantation and Infectious Diseases San Raffaele Scientific Institute: «A seguito di studi precedenti, condotti dalla nostra unità di ricerca è stato evidenziato come l’attività fisica moderata-intensa abbia un effetto benefico in termini di aumento della fitness cardiopolmonare e riduzione dei marcatori dell’infiammazione. Per questo motivo, a partire dallo scorso anno, stiamo portando avanti un programma di allenamento così strutturato: un mese di allenamenti di 1 ora per tre volte a settimana al centro sportivo Saini in via Corelli a Milano, sotto la supervisione di allenatori esperti, a cui seguiranno tre mesi di allenamenti in autonomia».

Per monitorare l’attività fisica, verrà chiesto ai partecipanti di scaricare gratuitamente una app dedicata sul proprio smartphone che permetterà di registrare distanza e tempo percorsi durante gli allenamenti. Attraverso la app sarà inoltre possibile consultare le informazioni sulla dieta fornite dal team dei nutrizionisti.

Al fine di poter valutare l’effetto dell’allenamento, a inizio e fine studio, i partecipanti dovranno sottoporsi a una visita medica in cui sono previsti: esami del sangue, test da sforzo cardiopolmonare (su cyclette), bioimpedenziometria e colloquio con psicologo.

«I risultati preliminari di SMARTAPP indicano che l’allenamento con questo protocollo induce un miglioramento della fitness e di parametri metabolici, ad esempio riduzione del colesterolo LDL». Precisa Turrini.

Lo studio inizierà a maggio e si concluderà a settembre, la partecipazione è gratuita.
Per iscrizioni e informazioni visitare il sito www.appfitness.info

http://www.appfitness.info/

grazie davvero per la vostra disponibilità. Trovate in allegato la locandina del nostro programma.

Presentazione in sede ASA del libro ” Se hai sofferto puoi capire”

postato in: AIDS | 0

“Se hai sofferto puoi capire ” di Giovanni F. con Francesco Casolo ( Ed. Chiarelettere )

ASA Onlus ha il piacere di invitarti alla presentazione del libro "Se hai sofferto puoi capire " 

Venerdì 18 Maggio alle ore 18.30 - Presentazione e Talk.

Saranno presenti:

  • Marinella Zetti,
  • Francesco Casolo editor e scrittore ChiareLettere co-autore di Giovanni F,
  • Simona Trotta, psicologa del reparto pediatria dell’Ospedale Sacco,
  • Angelo Ascari cardiologo e volontario all’ ospedale Sacco

Seguirà un cocktail alle ore 20.

Presso ASA-Associazione Solidarietà AIDS Via Arena 25 Milano

Per Info: Ufficiostampa@asamilano.org

Millennials nella stanza dei bottoni – tavola rotonda organizzata da ASA Onlus

postato in: AIDS | 0

Millennials nella stanza dei bottoni

Aspetti psicologici, sociali e culturali dei Millennials diventati adulti.

 

Milano – Martedì 20 marzo 2018, alle ore 20 ASA-Associazione Solidarietà Aids Onlus organizza una tavola rotonda dal titolo “Millennials nella stanza dei bottoni” che si propone di indagare gli aspetti psicologici, sociali e culturali dei Millennials, la generazione nata tra i primi anni Ottanta e l’inizio degli anni Duemila. Da recenti indagini è emerso che proprio sui temi della sessualità e HIV i Millennials, che si muovono in un mondo inondato di immagini sempre più facilmente accessibili, mostrano in realtà molti dubbi e soprattutto sembrano non temere i rischi delle malattie sessualmente trasmissibili.

Commenta in tal senso Massimo Cernuschi, Presidente di ASA: “I Millennials sono la prima generazione che affronta l'infezione da HIV dopo l'epidemia mondiale di AIDS. Il virus non rappresenta più la malattia e la morte e diventa ospite permanente delle persone che vivono con HIV. Ma i Millennials continuano a infettarsi e spesso si sottopongono al test in modo tardivo, danneggiando la loro salute e continuando a propagare l'infezione. ASA si chiede come si informino i Millennials sulla prevenzione dell'infezione da HIV, e anche da altre infezioni sessualmente trasmesse, e come l'informazione - mai come ora così vasta, gratuita, facilmente e immediatamente raggiungibile - condizioni le persone verso atteggiamenti razionali di protezione della salute. La ridotta importanza che televisioni e giornali riservano a queste informazioni apre un angoscioso enigma sulla qualità delle notizie disponibili sulla Rete, sulla parcellizzazione del sapere e sulla diffusione di fake news”.

Proprio per cercare di informare scientificamente e correttamente, analizzando il fenomeno dei Millennials sotto diversi aspetti, ASA ONLUS organizza una tavola rotonda con la partecipazione di esperti in ambiti diversi. Al talk – moderato da Marinella Zetti – parteciperanno Alessandra Bianchi (psicologa psicoterapeuta), Ferdous Abrar (sociologa), Michele Lanza (responsabile del progetto Chemsex) e Giorgia Fracca (psicologa e psicoterapeuta), che presenteranno differenti aspetti e criticità cui sono esposti i Millenials.

 

Questi gli interventi:

Alessandra Bianchi, psicologa psicoterapeuta, da diversi anni si occupa di persone sieropositive, sia dal punto di vista della clinica, sia della ricerca.

Il suo talk sarà focalizzato su: "L’importanza della realtà virtuale nei Millennials e il paradosso dei limiti". I Millennials sono la generazione che è cresciuta in parallelo al diffondersi di internet e della realtà virtuale, che, da ruolo marginale, sono arrivate a toccare quasi ogni ambito della nostra vita. Come ogni realtà, anche quella virtuale è ricchissima di contraddizioni. In particolare, è interessante osservare il paradosso a cui mette di fronte: lo stesso strumento immaginato per abbattere limiti e distanze, facendo sentire infinitamente vicini, è spesso causa di solitudine senza limite. 

Ferdous Abrar: sociologa “Millennials: da studenti a dipendenti. Il nuovo ecosistema lavorativo”.

La Generazione Iperconnessa dei nativi digitali dimostra predisposizioni e modalità particolari nell’approccio dell’attività lavorativa, adottando sempre di più lo SMART Working. Dalla ‘Docta Ignorantia’ di Socrate si passa a un’ossessione del controllo di informazioni a portata di click. Diventa così sempre più comune la creazione di uno spazio per sviluppare digital soft skills e la richiesta di flessibilità` nel modo di lavorare, trasformando e sradicando le vecchie logiche del fatturato.  Per un Millennial, l’organigramma aziendale è solo un tabellone del Monopoli?  Cosa motiva realmente un Millennial? Che tipo di conoscenza cerca? Come si lega alla realtà?

Michele Lanza, si è interessato di etnofarmacologia (farmaco e aspetti transculturali della terapia in processi sociali di inurbamento e di proletarizzazione) e recentemente ha seguito il progetto Chemsex per ASA. L’intervento sarà sul tema: “Millennials: socialità, eros, farmaci e droghe fra Rete e vita reale”.

Prima generazione di Nativi Digitali, i Millennials vivono socialità ed eros nella fusione fra vita online e offline, fra la frantumazione liberante dei limiti geografici e temporali tradizionali e l'impossibilità di narrare un Sé diverso da quello archiviato nella Rete.

Farmaci e droghe - controllati in passato da leggi, professioni della salute e circuiti dello spaccio - incontrano nuove modalità di diffusione. Sono oggetto di ricerche: su Google, che democratizza l'informazione ed enuclea frazioni non contestuali di conoscenza problem solving; sul web, che permette l'acquisto legale e illegale di farmaci e droghe.

Giorgia Fracca, psicologa, psicoterapeuta, socia Alipsi (associazione lacaniana italiana di psicoanalisi), interviene sul concetto di costruttivismo sociale, che è basato sull'interazione tra soggetti diversi all'interno di micro e macro comunità (di lavoro, di pratiche, di svago) e come tutto questo si trasforma quando l'interazione è anche (a volte prevalentemente) virtuale.

 

 ASA Onlus opera da oltre 30 anni a Milano nella informazione e prevenzione da HIV e altre IST (infezioni sessualmente trasmissibili). www.asamilano30.org 

Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@asamilano.org - Tel. 0258107084 - Cellullare 3392318441

 

ROMA, 5-6 FEBBRAIO 1ST GERIATRIC HIV MEDICINE SUMMIT FUTURE CHALLENGES IN THE HIV MANAGEMENT OF ELDERLY

postato in: AIDS | 0

Asa Milano parteciperà al primo meeting sulla gestione del paziente con Hiv che si avvia alla terza età. Grazie all’efficacia delle terapie antiretrovirali, che hanno permesso alle persone sieropositive di avvicinarsi di molto alla normale longevità, la nuova frontiera si è spostata sul raggiungimento della normale longevità con la stessa qualità di vita di una persona sieronegativa. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi del meeting.

un 2017 dedicato alla prevenzione

postato in: AIDS | 0

In occasione del world AIDS day 2017 (1 dicembre) Asa Onlus vi invita a due eventi che racchiudono gran parte del lavoro che la nostra associazione ha operato sul territorio milanese durante tutto il 2017 e allo stesso tempo aprono scenari nuovi per il 2018: l’ educazione alla prevenzione e all’abitudine di sottoporsi al test HIV a altre IST ( infezioni sessualmente trasmissibili) per gli adolescenti/studenti e, in generale, per gli MSM ( acronimo per maschi che fanno sesso con maschi) .

Al mattino , dalle 9 all 13, apriremo con il convegno Un’onda Ci Unisce Contro Le Malattie Sessualmente Trasmissibili , rivolto a tutta la cittadinanza milanese (ma con particolare attenzione ai giovanissimi delle scuole superiori). Medici, attivisti e psicologi offriranno la loro conoscenza per informare sulle modalità di trasmissione del virus HIV e comportamenti da evitare, per ricollocare la percezione comune di questa malattia nella corretta dimensione per abbattere lo stigma,e per infondere l’abitudine allo screening ( test di controllo per HIV/IST.
Asa Onlus da anni offre il test HIV nella sua sede di Via Arena 25 a Milano ( Navigli/darsena ) ogni secondo martedì del mese e un supporto adeguato per ogni genere di specifiche sull’ HIV/IST.

Alla sera saremo al COMPANY CLUB MILANO, noto locale milanese frequentato dalla comunità LGBTI, per offrire il test HIV rapido. 
maggiori informazioni le potete trovare a questo link
https://www.facebook.com/events/548481788833598/

L’evento è inserito nell’iniziativa We Test che si propone di offrire il test in numerosi locali lgbti in Italia per la giornata mondiale. Per quanto riguarda Asa Onlus , sarà il culmine di un progetto, iniziato nell’ottobre 2016, che ha permesso di offrire il test rapido in locali lgbti e ha avuto come risultato la somministrazione gratuita a più di 500 persone. La sfida per il 2018 è offrire anche il test HCV ( epatite c) e sifilide, e dare le corrette informazioni per la pratica del chemsex e l’utilizzo della PReP. L’associazione Anddos e nello specifico i gestori dei locali lgbti ci stanno supportando per continuare il progetto. 
Se anche tu vuoi contribuire per supportare i nostri progetti ( questi e altri) , puoi fare una donazione spontanea , in questo modo:
Coordinate IBAN c/c bancario intestato ad ASA Associazione Solidarietà AIDS –IT83K0312701601000000001179
oppure
Account PAYPAL: amministrazione@asamilano.org

per tutte le info ti rimandiamo al nostro sito:
www.asamilano30.org

1 2 3 4 5 6